Sports

alla ricerca di se stessi


Namiko e i giardini di Kyoto: un viaggio alla ricerca di se stessi

Solo alla fine delle cose ci accorgiamo di quanto il destino abbia influenzato il nostro futuro. È ciò che realizza anche il narratore di Namiko e i giardini di Kyoto, il commovente romanzo di Andreas Séché sull’amore e sulla saggezza dell’intuizione.

Attraverso la storia sentimentale tra un giornalista tedesco senza nome, trasferitosi da Amburgo a Kyoto per lavoro, e una ragazza giapponese incontrata nei giardini della città, riscopriamo l’importanza dell’intuizione nel decifrare la realtà e ci avviciniamo ai segreti racchiusi nell’arte dei giardini zen.

Benché la voce narrante sia quella del giovane giornalista, la vera protagonista del romanzo di Séché è proprio Namiko: una ragazza avvezza agli usi e ai costumi occidentali, ma completamente intrisa della cultura orientale in cui vive.

Sarà lei ad avvicinare il giornalista alla conoscenza di un mondo totalmente diverso dal suo: Namiko gli insegnerà l’importanza della lentezza, del parlare piano e a bassa voce, dell’esprimersi senza clamore. E ancora l’amore per la natura, per gli alberi.

Se allora non ci fossimo incontrati, molte cose sarebbero andate diversamente. Molte me le sarei perse, filtrate dalla mia percezione come acqua attraverso un setaccio. Grazie a Namiko so che, per me, il regalo più importante dell’amore sta nella vicinanza, e non negli spazi. Se non ci fosse stata Namiko, forse non avrei mai sentito bisbigliare i suoni soffusi della vita.

Al centro di questa storia d’amore appassionata e commovente ci sono poi i giardini zen, i loro segreti e la loro importanza per la cultura orientale.

Grazie alla loro scoperta, il giornalista inizierà a porsi domande esistenziali per lui nuove: quanto è fondamentale apprezzare ogni singolo momento della nostra vita? E, soprattutto, quanto le nostre abitudini occidentali ci impediscono di rendercene conto?

Guidato da Namiko e i giardini di Kyoto, il narratore rivedrà completamente il suo modo di essere, trovando una risposta nella poesia.



Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close